Pubblicato il 12 Luglio 2023 da Redazione in Cannes

L’impronta della mano di Loïck Peyron, tra i più grandi navigatori al mondo, immortalata al Port Pierre Canto di Cannes

Creato al porto Pierre Canto uno spazio dove vengono immortalate, su targhe di bronzo, le impronte dei grandi navigatori. Sono già nove
Condividi Notizie:
Immagine L’impronta della mano di Loïck Peyron, tra i più grandi navigatori al mondo, immortalata al Port Pierre Canto di Cannes

Dopo Philippe Monnet, Jean Le Cam e Alexia Barrier è stato Loïck Peyron ad entrare a far parte delle “Walk of Fame maritime” di Cannes, istituita nel 2016 dal comune al Porto Pierre Canto.
Le impronte del navigatore francese sono state immortalate sul piazzale della Capitaneria di Porto.

L’odierno Ulisse onorato dal municipio di Cannes: come lo “Chemin des étoiles”, situato di fronte al Palais des Festivals et des Congrès, rende omaggio a registi, attori e celebrità della Settima Arte, la città di Cannes ha creato, nel settembre 2016, al porto Pierre Canto uno spazio dove vengono immortalate, su targhe di bronzo, le impronte dei grandi navigatori.

adv-538

Otto moderni Ulisse, eroi di incredibili odissee nei mari di tutto il mondo, hanno già deposto le mani: Marc Pajot, Titouan Lamazou, Armel Le Cléac’h, Philippe Poupon, Fabrice Amedeo, Alexia Barrier, Jean Le Cam, Philippe Monnet. Ora sono raggiunti da Loïck Peyron.

Nato a Nantes e cresciuto in una famiglia di marinai francesi, Loïck Peyron iniziò a navigare all’età di dodici anni e, all’età di 18 anni, realizzò la sua prima traversata dell’Atlantico da solo.

adv-189

Da allora si è dedicato alla velocità in mare e ha trasformato la sua passione per la vela in una continua ricerca della performance.

Oggi è il marinaio francese più famoso e uno dei più titolati del pianeta. In particolare ha vinto tre volte la Transat inglese, cinque volte il Campionato del Mondo ORMA (Ocean Racing Multihull Association), due volte la Transat Jacques-Vabre, una volta la Barcelona World Race e la Route du Rhum, oltre al trofeo Clairefontaine che si è aggiudicato ben otto volte. È stato anche il detentore, per ben cinque anni, del Trofeo Jules-Verne.

adv-626