Pubblicato il 20 Ottobre 2023 da Redazione in Attualità

Salvaguardia della biodiversità – Evento 18 Ottobre 2023 – YCM

In occasione dello scalo della barca Eagle II nel Principato di Monaco della spedizione Pelagos dell’Associazione “Noi Siamo Mediterraneo”, l’Accordo sulla Conservazione dei Cetacei del Mare Area Nera
Condividi Notizie:
Immagine Salvaguardia della biodiversità – Evento 18 Ottobre 2023 – YCM

Salvaguardia della biodiversità marina.

In occasione dello scalo della barca Eagle II nel Principato di Monaco della spedizione Pelagos dell’Associazione “Noi Siamo Mediterraneo”, l’Accordo sulla Conservazione dei Cetacei del Mare Area Nera, Mediterranea e Atlantica adiacente – ACCOBAMS, in collaborazione con la Fondazione Principe Alberto II di Monaco, l’Iniziativa Pelagos e lo Yacht Club di Monaco, organizzato un evento di sensibilizzazione sulle interazioni tra la navigazione marittima e cetacei.

Questo evento, accolto calorosamente e moderato dal Sig. Bernard d’Alessandri, ha riunito una trentina di partecipanti, a testimonianza del forte impegno di tutti a favore del tutela della biodiversità marina.

adv-778

Il Mediterraneo ospita un’incredibile ricchezza di vita marina, in particolare di cetacei.

Eppure si trovano ad affrontare minacce crescenti con effetti cumulativi.

adv-270

Salvaguardare gli oceani e il pianeta significherà preservare la biodiversità, ma anche il desiderio di tutti di convivere e condividere gli spazi marini con i cetacei.

E tu lo sapevi ? (Curiosità sui cetacei)

Rispetto ai mammiferi terrestri da cui discendono, i cetacei hanno un corpo affusolato che li aiuta a nuotare più velocemente. Le zampe anteriori si sono trasformate in pinne, ma a livello scheletrico conservano ancora la suddivisione delle dita. Le zampe posteriori, invece, sono scomparse del tutto.

adv-326

Esistono ben 85 specie differenti di cetacei, di cui la stragrande maggioranza vive in acque marine. Soltano 5 specie di cetaceo sono di acqua dolce.
Tra le caratteristiche fisiche peculiari, ricordiamo anche la coda piatta e lo sfiatatoio presente sul capo, mentre pur riuscendo a captare tranquillamente i suoni, questi animali sono privi di padiglioni auricolari.

I cetacei vivono spesso in branchi e sono capaci di comunicare tra loro con un raffinato linguaggio costituito da suoni, a cui si affianca un sistema di linguaggio del corpo piuttosto sviluppato.

I cetacei si distinguono in due grandi gruppi: i Misticeti, di cui fanno parte le balene e le balenottere, e gli Odontoceti, tra cui figurano delfini, capodogli e orche.
La differenza sostanziale tra questi sottordini sta essenzialmente nella dentatura: i Misticeti hanno i fanoni, mentre gli Odontoceti presentano i denti.

 

Visita La nostra Pagina Instagram

Leggi Altri Articoli