Pubblicato il 16 Novembre 2023 da Redazione in Attualità, Eventi

Lo chef del Principe cucina per i meno fortunati a Washington

Christian Garcia ha lavorato a fianco degli chef dell’Eliseo, di Buckingham Palace, della Casa Bianca e dell’hotel Willard InterContinental.
Condividi Notizie:
Immagine Lo chef del Principe cucina per i meno fortunati a Washington

Lo chef del Principe

Dal 29 ottobre al 2 novembre, il “Club des Chefs des Chefs” si è riunito a Washington.

adv-653

Preparano cene eccezionali e offrono pietanze rassicuranti ai meno fortunati.

Fondato nel 1977, il gruppo d’élite è stato definito il “G20 della gastronomia”.

adv-753

Tutti i suoi membri ricoprono un ruolo prestigioso, quello di chef personale dei capi di Stato o di governo dei rispettivi Paesi.

L’iniziativa di questo incontro nella capitale americana è stata del suo fondatore, Gilles Bragard, ma l’ambasciata di Monaco negli Stati Uniti ha fatto tutto il possibile affinché l’evento si svolgesse senza intoppi.

adv-499

L’ambasciatore di Monaco, Maguy Maccario-Doyle, ha convinto gli ambasciatori di Francia e Italia a organizzare un ricevimento in onore degli chef nelle rispettive residenze.

Gli invitati hanno avuto l’occasione di vivere questa esperienza culinaria e assaggiare i migliori prodotti dei due Paesi, oltre che le delizie della Distillerie de Monaco, come il liquore all’arancia e il gin agli agrumi, non ancora commercializzati in Nord America.

Cucinare per un’associazione

Nello specifico, i 20 chef hanno dedicato il loro primo giorno alla visita dell’associazione benefica DC Central Kitchen, che combatte la fame e la povertà. Hanno impiegato il loro talento per preparare alcuni dei 10.000 pasti che l’associazione distribuisce ogni giorno.

Prima di ripartire, gli chef hanno ringraziato gli ambasciatori dei rispettivi Paesi offrendo loro un pranzo preparato dagli chef dell’Eliseo, di Buckingham Palace, della Casa Bianca e dell’hotel InterContinental Willard.

Stanislas Vilgrain, proprietario di “Cuisine Solution”, una realtà gastronomica internazionale, ha organizzato il ricevimento di chiusura. È stata l’occasione per gli chef di consegnare all’ambasciatore Maccario-Doyle la tradizionale giacca da chef e un diploma ad honorem come riconoscimento del suo lavoro nella diplomazia culinaria.

Visita La nostra Pagina Instagram

Leggi Altri Articoli