Pubblicato il 25 Settembre 2023 da Redazione in Attualità

Belem | Lo storico veliero viaggia verso il porto di Nizza

Dal 1896 il veliero scrive la storia tra Italia e Francia. Potrà essere visitato e fotografato.
Condividi Notizie:
Immagine Belem | Lo storico veliero viaggia verso il porto di Nizza

Il veliero “Belem” arriverà al porto di Nizza, il 22 settembre 2023 dopo alcuni giorni di navigazione da Saint Tropez: lo si potrà osservare dalla spiaggia o dalle tante passeggiate a mare.

Poi ormeggerà al porto di Nizza fino al 28 settembre.
Questi i suoi spostamenti lungo la costa della Regione Provence-Alpes-Côte d’Azur:

adv-500

  • Da Saint Tropez a Nizza dal 19 al 22 settembre
  • Da Nizza a Sète dal 28 al 30 settembre
  • Da Sète a Marsiglia dal 4 al 6 ottobre
  • Da Marsiglia a La-Seyne-sur-Mer dall’11 al 13 ottobre.

L’ultimo veliero francese del XIX secolo ancora in navigazione sarà accessibile e potrà essere visitato su prenotazione e nel limite dei posti disponibili.

La storia del veliero 

adv-45

Varato nel 1896 presso il cantiere navale Dubigeon a Chantenay sur Loire, il brigantino a palo Belem, lungo 58 metri, iniziava la sua carriera come nave da carico transoceanica per l’importazione in Francia di fave di cioccolato destinate alle pasticcerie francesi.

Dopo parecchi anni di onorato servizio venne acquistato nel 1914 dal Duca di Westminster che lo trasformò in yacht da diporto, predisponendo anche una sala macchine che prima non esisteva, per l’alloggiamento di 2 motori da 575 hp. Belem quindi cambia bandiera.

adv-475

Viene successivamente venduto nel 1921 a Sir Arthur Ernest Guinness, il quale ne completa l’allestimento e ne cambia il nome in Fantôme II. Oltre ai numerosi viaggi compiuti con Fantôme, il log registra anche un giro del mondo compiuto tra il 1923 ed il 1924.

Nave Scuola

Nel 1951 viene acquistato dal Senatore Vittorio Cini per essere utilizzato come nave scuola del Centro marinaro dell’isola di S. Giorgio Maggiore a Venezia. Oltre alla bandiera cambia nuovamente nome e viene ribattezzato Giorgio Cini, nome del figlio del Senatore prematuramente scomparso in un incidente di volo. Anche l’armo subisce una variazione e viene trasformato in nave-goletta o barco-bestia.

Dal 1951 al 1967 ha formato numerosi marinaretti. I marinaretti avevano un’età compresa tra i 5 ai 16 anni e alloggiavano 365 giorni l’anno presso l’Istituto Scilla facente parte del Centro Marinaro, quest’ultimo nato nel 1952. L’Istituto Scilla, fin dal 1906, era un’istituzione caritatevole veneziana che accoglieva gli orfani di pescatori o marittimi, per dare loro un’istruzione ed insegnare mestieri legati alla navigazione marittima. La loro nave scuola, “giorgetta” come veniva chiamata affettuosamente, veniva utilizzata anche come nave per crociera-scuola nei mesi estivi.

Il disarmo

Nel 1967 l’ultima crociera. I costi per il mantenimento ed il riallestimento per sopperire alle nuove norme per continuare ad utilizzarla come nave scuola la costringono al disarmo. Resterà a S. Giorgio sino al 1972, quando i Carabinieri decidono di far fronte alle spese necessarie per il riallestimento ed utilizzarla a loro volta come nave scuola. Viene quindi portata ai Cantieri Navali ed Officine Meccaniche di Venezia, in Arsenale. Tra il 1972 ed il 1974 vengono sostituiti i motori e il veliero viene riportato all’armo originale di brigantino a palo. Nell’occasione vengono spesi centinaia di milioni di lire.

La Fondazione Cini, ancora proprietaria, non ha i mezzi per saldare i conti ed i Carabinieri, non avendo ufficialmente ricevuto in consegna il brigantino, non intendono farsene carico. Pertanto la Fondazione decide di cedere il Giorgio Cini ai Cantieri stessi i quali, per rientrare delle loro spese, lo mettono in vendita al miglior offerente. Il 1977  vede la mobilitazione generale dei veneziani che, appresa la notizia, vogliono che resti a Venezia. Belle parole, articoli sul Gazzettino di Venezia, appoggi delle Istituzioni, banche ecc., ma non si riesce a raggiungere la cifra di circa 1 miliardo di lire per acquistarlo, nemmeno con sottoscrizioni spontanee da parte di cittadini ed imprese.

Il rientro

Così, il 15 agosto del 1979, parte da Venezia per andare in Francia. La “giorgetta” torna alla bandiera originaria e ricambia per l’ultima volta il nome in Belem.

 

Visita La nostra Pagina Instagram

Leggi Altri Articoli

adv-952